Privacy Policy

lunedì 23 ottobre 2017

Ciambellone degli angeli

 
Qui nella Casa Lilla ci siamo appena ripresi dall'ennesima epidemia (non si sa come, ma ci si ammala sempre tutti e tutti insieme, ultimamente. E mi riferisco soprattutto agli adulti della situazione, perché si sa, i bimbi non fanno testo! ;)).
Quindi in questo piccolo spazio ho un pochino latitato sul mese della colazione: ma non preoccupatevi perché recupereremo sicuramente!
Il trucco che voglio svelarvi con questo secondo post è facilissimo, forse pure più banale del consiglio della scorsa volta, ed è: variare. Variare e ancora variare.
In fondo solo su questo piccolo blog potrete già trovare tante idee, dai biscotti ai cookies, dalle crostate alle torte da credenza passando per le brioche o la granola home made.
Anche sul mio profilo ig potete vedere quanto si differenzino le nostre colazioni, ultima presente sulla nostra penisola è ad esempio la torta rustica al miele.
Quindi bando alle ciance, e sbizzarritevi con quanto più vi ispira.
Proprio ieri, parlando con una amica di vecchia data, mi ha detto: sai, ora cerco di cucinare di più e di fare cose da sola, per mangiare in maniera più sana e per eliminare le schifezze.
Eh si, uno dei trucchi per restare sempre in forma è anche questo.
E a ottobre vorrei che ce ne ricordassimo proprio con il pasto più importante, quello della mattina.
Oggi vi lascio una ricetta buonissima: il ciambellone degli angeli.
Di una delicatezza e una sofficità unica.
E buona colazione casalinga a tutti! :)

 

CIAMBELLONE DEGLI ANGELI

un pezzetto di burro ammorbidito per ungere
un po' di zucchero semolato per spolverare
100 g farina
95 g fecola di patate
2 cucchiaini di lievito in polvere
10 albumi (divisi in 6 e 4)
1 cucchiaino di pasta o estratto di vaniglia
350 g zucchero a velo, più un po' per spolverare
un pizzico di sale
250 g burro fuso

Scaldate il forno a 180°C. Imburrate l'interno di uno stampo per ciambellone degli angeli del diametro di circa 24 cm (con un foro profondo al centro) e spolverate con lo zucchero semolato.
Setacciate la farina, la fecola di patate e il lievito per tre volte dentro ad una ciotola e mettete da parte.
In una planetaria (o in una ciotola se usate le fruste elettriche) montate a neve ferma i 6 albumi con la vaniglia e lo zucchero a velo.
Mettete i 4 albumi rimasti in un'altra ciotola con il sale e, usando una frusta ben pulita, montateli a neve. Con una spatola incorporate delicatamente questi ultimi al composto di albumi e zucchero finchè non saranno ben amalgamati.
Iniziate ad aggiungere poco alla volta gli ingredienti secchi setacciati, mescolando ogni volta dall'alto verso il basso, molto delicatamente. Unite infine il burro fuso e incorporate anche questo con cura. Versate il composto ottenuto nello stampo che avete preparato e cuocete in forno per 30-40 minuti, finchè la torta non sarà dorata e cotta all'interno.
Una volta pronta, lasciatela raffreddare per 10 minuti nello stampo prima di capovolgerla su una griglia per portarla a temperatura ambiente. Spolverate con zucchero a velo.
Per 1 torta.

Ricetta tratta dal libro "Il senso di Melissa per le torte" di Melissa Forti.

venerdì 6 ottobre 2017

Brioche col tuppo

 
Una delle sane abitudini della Casa Lilla è indubbiamente la colazione.
Quando ero una giovane ragazza :) la colazione non rientrava nelle mie abitudini, ma da 9 anni a questa parte tutto è cambiato.
Con Il Sindaco non ci facciamo mai mancare i nostri 15 minuti mattutini di relax, davanti ad un ottimo caffè (preparato da lui) e da qualcosa di buono e possibilmente sano (preparato da me).
Ora, chi mi conosce lo sa: non sono una che si tira indietro di fronte al burro e allo zucchero, e soprattutto alla mattina me lo concedo volentieri. Ultimamente ho provato a sostituire totalmente lo zucchero raffinato con quello di canna e a mangiarne in minore quantità... vedremo se riuscirò nell'intento (per ora ho ancora valida la scusa dell'allattamento... e trovo che in certe preparazioni sia meglio comunque lo zucchero raffinato, ma vedremo di trovare come in tutto un giusto equilibrio).

giovedì 28 settembre 2017

Pinzini con pasta madre

 
E così anche oggi voglio raccontarvi una ricetta che passa nella Casa Lilla, soprattutto negli anni in cui riusciamo ad andare a Cheese (da quando conosciamo questa manifestazione ci siamo persi solo quella del 2015 a causa di un Pancione sospetto che avrebbe dovuto "esplodere" proprio in quei giorni...), con il lievito madre.
Si tratta di un'altra ricetta per chi ha voglia di mangiare cose buone. E si tratta di una ricetta super golosa, perché è una portata fritta da accompagnare a salumi e formaggi: perciò non è proprio sana, diciamo però che fa sorridere l'anima.